Salta al contenuto

13/02/19

Ora,

lasciate che il canto della musa vi guidi 

nella memoria fate ritorno

laddove giacete la notte.

——————-

Supini,

sul prato di casa ove dimorano i fiori

scrutate irrequieti i recinti:

dividono il suolo.

——————-

Qual mondo sarebbe

non vi fosser quei pali?

——————-

La strada, le pietre,

la casa e il giardino,

nessuno è più solo

si forman legami.

——————-

Ma dentro a un recinto 

dormiamo tranquilli,

le luci del giorno si spengon da sole. 

.

Drin! Drin!