“Passeggiata notturna tra le spighe di grano”

Giugno 2018

Io non ti conoscevo,

ma ho incrociato il tuo sguardo talvolta,

ti ho vista

brillare di vita 

e ora che è notte 

so che il tuo corpo si perde spoglio tra i campi.

É questo che sconcerta noi mortali:

non tanto la coscienza di dover morire

ma il non sapere che domani noi ci sveglieremo

mentre tu

sei già lontana.

Drin! Drin! LS.